mercoledì 31 dicembre 2008

BUON ANNO A TUTTI !!!






Questo è un piccolissimo riassunto del mio viaggio per ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo) e per la Scienza (Facoltà di Scienze Motorie - Università di Verona).

Il prossimo viaggio sarà su:

http://via-alpina-2009.blogspot.com

Ho letto da qualche parte che le lumache hanno più valore di certi esseri umani perché loro lasciano dietro di se una traccia, io credo di potermi definire degno di una lumaca.

UN ANNO MERAVIGLIOSO A TUTTI

Manfred

martedì 23 dicembre 2008

FELIZ NAVIDAD...

LLAGA NAVIDAD Y DESEO
PAZ, AMOR, SALUD Y PROSPERIDAD,,,
M@R

sabato 20 dicembre 2008

Buon Natale a tutti!!!

Manifestazione Internazionale di Poesia


Ecco mia figlia piccola che ballava, aprendo la manifestazione di Poesia che ho organizzato ad Aprilia. E' stato bellissimo, e lei era splendida!

mercoledì 26 novembre 2008

una tenera amicizia


Che bel pomeriggio abbiamo passato assieme, io mia figlia e il suo tenero cane!

sabato 22 novembre 2008

7_M@R_7

TAMBIEN ES PARA TI,,,
M@R,,,

sabato 1 novembre 2008

Hallowen!


Ieri è stata festeggiata la notte di Hallowen! Bambini e adulti, haimè, si sono riversati per le strade vestiti da streghe e zombi a ripetere la litania "dolcetto o scherzetto"! Ma in italia che razza di festa è? Posso accettare di tutto, tanto abbiamo importato oramai qualsiasi cosa, anche la coca cola, ma imporre una festività anglosassone che richiama gli spiriti malvagi e i morti, mi sempra aboninevole...come se non ne avessimo già abbastanza in carne ed ossa! Persino le mie figlie, belle di natura, hanno voluto trasformasi in mostri, riuscendoci magnificamente! Non ha senso una festa che promuove la malignità e la paura, è antieducativa...io sono ancora per le fate e le principesse!

venerdì 17 ottobre 2008

Al presente non si comanda


Al presente non si comanda

Tu mi piaci, io ti piaccio, forse mi ami, forse ti amo. Vado a comprarti un anello così ci fidanziamo. Ci sentiamo meravigliosamente innamorati. Passano un paio d’anni, ti porto un anello più costoso e ci sposiamo. Facciamo subito un figlio, bello, intelligente e, perché no, già ricco.
Il figlio ci riempie di soddisfazioni: è il primo della classe, suona due strumenti ed è un campione a calcio. A che serve un figlio se non a questo? Mica possiamo vergognarcene. Allora meglio due, così facciamo scopa, oltre che a scopare.
Questa volta è una femmina, perché la coppia mista ci vuole. Formiamo un’ incantevole famiglia felice. Anche lei è bella, intelligente, un po’ meno ricca, ma io lavoro sodo per non far mancare nulla a nessuno. Anche lei da tante soddisfazioni.
Compriamo un cane, quello della pubblicità che insegue i rotoli di carta igienica, è simpatico e poi ce l’hanno tutti.
I figli crescono, si sposano, fanno figli a loro volta e noi diventiamo nonni, oltre che vecchi. Ci divertiamo ad andare ai giardinetti con loro. Giochiamo ai bravi nonni e così non veniamo sbattuti all’ospizio.
C’è tanta considerazione e a noi ci piace. Poi uno dei due muore, forse io, forse tu, magari assieme. Se muori prima tu, io non mi consolo e deperisco ogni giorno di più, fino a raggiungerti in breve nella fossa.
Se muoio prima io, tu deperisci lentamente fino a raggiungermi nella tomba di famiglia. Chi prima, chi dopo che importa, finiamo insieme comunque. Se però ci spegniamo all’unisono è meglio.
Veniamo seppelliti, meglio cremati. Lasciamo tutti i risparmi di una vita, ai figli. Si spendono tutto fino all’ultimo centesimo e poi ricominciano da capo, loro.
Noi non abbiamo più problemi, abbiamo tutta l’eternità davanti, se esiste, altrimenti finisce tutto così e buonanotte.

lunedì 8 settembre 2008

LA ORACION,,,

ORACION DE LA MAÑANA:
Dios de nuestro corazón,
en el silencio de este día que nace
yo te pido paz, sabiduría y fortaleza.
Quiero mirar al mundo con ojos llenos de amor,
quiero ser paciente, comprensivo,
quiero ver mas allá de las apariencias,
quiero ver a tus hijos tal y como Tu los estás viendo
y ver así tan solo el bien en cada uno de ellos.
Cierre mis oídos a toda calumnia,
guarde mi boca de toda maledicencia,
y que solo pensamientos de bendición
queden en mi espíritu.
Que sea tan bienaventurado y feliz
que todos aquellos que se acerquen a mí
sientan tu presencia.
Revísteme de tu belleza, Señor,
y que a lo largo de este día
yo te revele.
Autor:Desconocido.

domenica 7 settembre 2008

Sono tornata!


Ciao a tutti sono tornata dalle ferie e mi sono rimessa al lavoro! Vi saluto tutti e ben ritrovati!Questa è l'ultima immagine dell'estate,dopodichè cercherò di iniziare l'autunno nel migliore dei modi e lo auguro tanto anche a voi. Baci

venerdì 15 agosto 2008

MI MARACAIBO,,,

Maracaibo, también conocida como ciudad del sol amada, constituye la segunda ciudad más importante de Venezuela, y es la responsable del buen funcionamiento de la economía venezolana, ya que allí se extrae, refina y exporta un alto porcentaje del petróleo del país.

Es un lugar lleno de contrastes, pues allí se funden las costumbres, tradiciones y una gastronomía procedentes de hace siglos, con la actividad económica, cultural y tecnológica propia de cualquier metrópoli del mundo.

Hermosos pueblos, iglesias e impresionantes playas, junto con interesantes museos, exquisitos restaurantes y cómodos complejos turísticos hacen de la capital zuliana uno de los sitios más atractivos de la nación.

Por si fuera poco, cuenta con una infraestructura turística excelente y con gran cantidad de atractivos, que permiten que el visitante disfrute de una agradable experiencia.

Sin embargo, este estado se destaca por ser el corazón petrolero de Venezuela, gracias a la gran cantidad de yacimientos que posee.

Maracaibo es mi ciudad,,,

domenica 13 luglio 2008

Le Frecce Tricolore!



Sopra la nostra testa e davanti al trasparente mare di Sardegna, uno spettacolo incredibile! Gli aerei delle Frecce Tricolore hanno fatto acrobazie da lasciare a bocca aperta! Bellissimo!

domenica 6 luglio 2008

Premio de Poesía


Asociación Cultural y Artístico L@ Nuov@ Mus@

en colaboración con Asociación República de las Letras. España

Índice:

Premio de Poesía en memoria de los Poetas españoles

Juan Vidal Martínez y Aurora Vidal Martíne


Plazo inscripción:
El 03 de NOVIEMBRE de 2008 hará fe el sello postal

Tema:

Libre

Única sección "Poesía inédita en lengua "italiana", si en vernáculo con traducción.

Pueden participar a todo sea italianos sea Extranjeros con:


1 (uno) Poesía, Largo: no superior a las 25 rayas

Copias: de enviar: seis copias mecanografiados f.to A4 de cuyo -1 (uno) en sobre cerrado

contenedor los: generalità,indirizzo y n° telefónicos / correo electrónico.

a esta dirección:
ass.cult.e art. L@ Nuov@ Mus@
Calle de los Lauri,89 - 04011-Aprilia - Latina-
tel .v339.43.44.865
info E-mail:
http://ass.cult_la_nuova_musa@yahoo.it

Cuota de participación:

Euro 10,00. El pago de la cuota, en efectivo, podrá ser insertado

directamente en el sobre, no monedas, Y' posible también utilizar

otras modalidades de depósito, salvo acuerdos y a buen fin.


"Sólo para los poetas de lengua "española" por info correo electrónico:
http://tallerdelpoeta@mundo-r.com

la Poesía de lengua española y el depósito tendrán que siempre llegar a esta dirección:

ass.cult.e art. L@ Nuov@ Mus@ - Calle de los Lauri,89 - 04011 -Aprilia- Latina (Italia)


Obras admitidas: sólo aquellos con las modalidades solicitadas por la asociación promovedora

del bando, las obras que serán creídas ofensivas por el jurado, a la religión, al

moral, al vilipendio y todo lo que puede llevar les da a las personas, serán excluidas

del concurso.

Las poesías en lengua española serán juzgadas por Poetas españoles

Otras notas:

Junto a los elaborados, tendrá que ser presentada la siguiente declaración

"declaro que la Poesía de mí presentado a este concurso es obra de mi creación

personal, inédita no premiada en otros concursos. Conscientes que falsas declaraciones

configuran un delito perseguible a norma de ley"

Premios:

Al (1) primero clasificado, serán asignados: Euro 200,00 cena y pernocto en el día

de la distribución de premios + trofeo y atestado y 3 antologías en bilingüe italiano español; publicado

de la editorial española, EllTailler del Poeta, le depositado al SIAE española con los

poesías de los Poetas presentes a la noche del 7 de diciembre de 2008 y los vencedores del concurso

Al (2) según clasificado, euro 100,00 pernocta y cena en el día del

Distribución de premios placa de matrícula y diploma y 2antologie

Al (3)terzo clasificado) euro 100,00 pernocta y cena en el día de la Distribución de premios

placa de matrícula y diploma y 2 antologías


Pergaminos

1, premio Especial "Giovanni Capasso

1, premio Especial" Alessandro Lisbon

1, premio del Jurado

1, Premio de la Asociación Cultural L@ Nuov@ Mus@


La presencia de los vencedores domiciliados es solicitada en Italia"

por quien vivos all' extranjeros la presencia es facultativa



Distribución de premios:
Fecha el 07 de diciembre de 2008 - Aprilia – Latina-

Noticias sobre los resultados:

A los solos Vencedores él y. 2008 será dado comunicación oportuna por. teléfono e/mail

Jurado:
Serán hechos públicos el día de la distribución de premios, el juicio del Jurado es incuestionable

Otras notas:
Tratt. datos personales a los sentidos del D. Lgs. 196/2003, utilizado a los objetivos del concurso.

Encontraréis el bando sobre todos los sitios literarios y:

www.athenamillennium.it




El Presidente
Renato Fedi

venerdì 4 luglio 2008

Concorso Internazionale di Poesia II° Edizione


L'associazione Culturale a cui appartengo indice un Concorso Letterario. Siete tutti invitati a partecipare!


Associazione Culturale ed Artistica L@ Nuov@ Mus@

in collaborazione con Asociación República de las Letras. Spagna

Indice

Premio di Poesia in memoria dei Poeti Spagnoli

Juan Vidal Martínez ed Aurora Vidal Martíne


Scadenza iscrizione:

03 NOVEMBRE 2008 farà fede il timbro postale

Tema: Libero

Unica sezione: “Poesia inedita in lingua “Italiana”, se in vernacolo con traduzione

possono partecipare tutti sia Italiani che Stranieri con:


1 (una ) Poesia) Lunghezza: non superiore alle 25 righe

Copie :

Sei copie dattiloscritte f.to A4 di cui -1 (una) in busta chiusa

contenente le: generalità,indirizzo e n° telefonici / e-mail.

Da spedire a questo indirizzo:

ass.cult.e art. L@ Nov@ Mus@
Via dei Lauri, 89- 04011-Aprilia-Latina
tel.339.43.44.865

info:
E-mail: ass.cult_la_nuova_musa@yahoo.it

Quota di partecipazione:

Euro 10,00. Il pagamento della quota, in contanti, potrà essere inserito

direttamente nella busta (non monete) E’ possibile utilizzare anche

altre modalità di versamento, salvo accordi e a buon fine.

“Solo per i poeti di lingua spagnola” per info:
e-mail tallerdelpoeta@mundo-r.com


la Poesia in lingua spagnola e il versamento dovranno pervenire sempre a questo indirizzo:

ass.cult.e art. L@ Nov@ Mus@- Via dei Lauri,89- 04011-Aprilia-Latina (Italia)


Opere ammesse:

solo quelle con le modalità richieste dalla associazione promotrice
del bando, le opere che per la giuria saranno ritenute offensive, alla religione, alla morale, al vilipendio e tutto quello che può recare danno alle persone ,verranno escluse dal concorso.

Le poesie in lingua Spagnola verranno valutate da una giuria composta da poeti di lingua spagnola

Altre note

Insieme agli elaborati, dovrà essere presentata la seguente dichiarazione

“Dichiaro che la Poesia da me presentata a questo concorso è opera di mia creazione
personale, inedita non premiata in altri concorsi. Consapevole che false dichiarazioni configurano un illecito perseguibile a norma di legge”

Premi:

-Al (1) primo classificato, verranno assegnati: Euro 200,00 cena e pernotto nella giornata

della premiazione + trofeo e attestato e 3 antologie in bilingue Italiano Spagnolo; edito

dalla casa editrice Spagnola (EllTailler del Poeta) depositato alla SIAE Spagnola con le

poesie dei Poeti presenti alla serata del 7 Dicembre 2008 e dei vincitori del concorso


-Al (2 ) secondo classificato, euro 100,00 pernotto e cena nella giornata della

Premiazione targa e diploma e 2 antologie

-Al (3)terzo classificato, euro 100,00 pernotto e cena nella giornata della Premiazione

targa e diploma e 2 antologie


Pergamene
1) Premio Speciale "Giovanni Capasso

1) Premio Speciale" Alessandro Lisbon

1) Premio della Giuria

1)Premio della Associazione Culturale L@ Nuov@ Mus@

"È richiesta la presenza dei vincitori residenti in Italia"

per chi vive all’ estero la presenza è facoltativa

Premiazione:

Data 07 Dicembre 2008 - Aprilia- Latina

Notizie sui risultati:

Ai soli Vincitori l’ed. 2008 verrà data comunicazione tempestiva tramite .telefono e/mail

Giuria:

Saranno resi noti il giorno della premiazione, il giudizio della Giuria è insindacabile

Altre note:

Tratt. dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/2003, utilizzati ai fini del concorso.

Troverete il bando su tutti i siti letterari e www.athenamillennium.it


http://www.athenamillennium.it/

Il Presidente Renato Fedi

sabato 28 giugno 2008

Vacanze!


Sono in vacanza con le bambine, finalmente, ma ancora presente a tutti voi! Tra un bagnetto e l'altro vi penso sempre, posto e rispondo a tutti. Buona estate a tutti!

giovedì 12 giugno 2008

BARREA

Sono arrivato a Barrea, aL Campng La Genziana, Pasetta quando mi ha visto si è rivolto a me in lingua inglese credendomi uno straniero, poi ha abbassato lo sguardo, ha letto GUYA TREKKING e.... mi ha abbracciato.
Sono e mi sento veramente a casa, fra gente semplice e amorevole, il figlio di Pasetta, Marco, è fornito di tutto ciò che mi serve, dalla linea ADSL al carica batterie, sua mamma mi sta cucendo sul berretto uno sponsor che merita... come tutti del resto.
Allora vi devo parlare di Barrea, è una cittadina affacciata sull'omonimo lago, completamente in pietra, un continuo saliscendi con archivolti, portali, cortili e terrazzamenti antichi e splendidamente conservati. Nella via Roma, diversi locali commerciali richiamano il passeggio che puntualmente il pomeriggio anima la cittadina.
Fino a domenica starò qui all'ingrasso ed al riposo

A TRES MESES,,,

HOY A TRES MESES DE TU PARTIDA
TE EXTRAÑO.
TRES MESES QUE TE FUISTE,
PERO SE QUE ESTAS EN MI,
SOLO PIDO QUE ESTÉS EN LOS
EN LOS REINOS DEL COMIENZO
DE LA VIDA ETERNA AL LADO DEL
BUEN DIOS.
M@R,,,

La luna nel pozzo


Si è fatta notte, vedo il cielo, rotondo, quanto buio, un rumore! Solo il gracchiare, di una rana, niente di grave, fa freddo, là in alto le stelle, sono belle, per fortuna ci sono, loro! C’è troppo silenzio, qui, che male! La gamba… toh, una stella scadente! Un desiderio? Vorrei non aver, paura, s’è affacciata la luna, figo...

O graziosa luna, io mi rammento
che, or volge l'anno, sovra questo colle
io venia pien d'angoscia a rimirarti:
e tu pendevi allor su quella selva
siccome or fai, che tutta la rischiari.


la sua luce…arriva quasi a toccarmi, la mano, se mi sforzo un po’… uff, riesco a sfiorarla, la luna, mi viene da piangere...

Ma nebuloso e tremulo dal pianto
che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
il tuo volto apparia, che travagliosa
era mia vita: ed è, né cangia stile,


non posso… ho il torace compresso, vorrei urlare… urlooo! Niente, non ho più…voce, luna dimmi qualcosa, siamo solo tu, ed io, come si sta lassù?...

o mia diletta luna. E pur mi giova
la ricordanza, e il noverar l'etate
del mio dolore.


io qui, non bene… oggi, meglio ieri…direi, le braccia… non le sento più, ma guarda che cavolo…! Luna mia, meno male, che posso vedere, almeno te… ahia! Ancora non ci credo…è assurdo, adesso ho molto, freddo… che luce che fai, sembri racchiusa in un quadro, sì…un bel quadro, il mio respiro, che strano… faccio fatica, oddio luna! Cosa sta succedendo?...

Oh come grato occorre
nel tempo giovanil, quando ancor lungo
la speme e breve ha la memoria il corso,
il rimembrar delle passate cose,
ancor che triste, e che l'affanno duri!


ho paura…mamma…non ti arrabbiare…non scappo più…mi ritroveranno…non voglio fare la fine…del topo, mai! Aiutami tu, amica mia…illumina questo buco…questa campagna…di merda! Ho l’affanno, voglio…uscire…i miei giocattoli… non ce la faccio…lassù c’è la mia…bicicletta!

Un ringraziamento particolare a Giacomo Leopardi

lunedì 26 maggio 2008

CON CADA LÁGRIMA QUE DERRAME
FORME MI PROPIO M@R,,,
HOY NO HAY MAS LÁGRIMAS,
HOY TODO ES AMOR PERO GUARDO
ESE M@R, PARA VERME HOY,,,
HOY TENGO UN M@R HERMOSO,,,
M@R,,,

Bevitrice a giorni alterni


Bevitrice a giorni alterni

Alle 6.30 sveglia. Un cerchio alla testa mi strizza il cervello, secondo la qualità della sostanza alcolica ingurgitata la sera prima. Vino sopra i dieci euro: buona giornata, due litri d’acqua e torno come nuova. Sotto i dieci euro: terribile emicrania, non bastano tre litri e fatico a superare i sensi di colpa.
Stentatamente mi avvicino ai letti delle bambine e cerco di controllare la mia angoscia, cantando “ trallalero è lunedì!”. Maledico il lunedì. Ci vestiamo, mentre mio marito dorme ignorandoci. Certo, sono un autolesionista, cazzi miei! Colazione, panini merenda, pranzo.
Commissioni nella mattinata: spesa, dottore, lavanderia, comune, banca. Alle 13.30 uscita della piccola, la grande alle 14.00. Grande dispendio di mezz’ore, che riesco a investire leggendo. Pranzo. Meglio una pasta al pesto, sugo già pronto.
Compiti, posso servirmi di un doposcuola. Il marito, oltre a dormire, lavora con diligenza. A Cesare quel che è di Cesare. Poi danza o ginnastica, orari diversi e giornate diverse. Mi sento un taxi, utile e motivato, ma sempre un taxi. Gli unici commenti nell’abitacolo sono ingiurie e rivendicazioni. Ringrazio.
Intanto sono puntuali alle lezioni. Generalmente finisco col chiudere la saracinesca dell’ultimo discount. Torniamo a casa, il marito, inutilizzabile sul divano. Ci tocca la solita minestrina in brodo.
Segnalare a questo punto, come il rintocco del Big Ben, l’ora della buona notte. Sfamati gli orchi, messi a letto, non mi resta che sedermi sul divano. Non ho più fame, preferisco l’alcolico intossicante, per quanto sia una salutista macrobiotica e biodinamica e abbia sulle spalle vent’anni di yoga.
Non serve a un cazzo. Ogni sera, a giorni alterni, la bottiglia mi consacra a buona bevitrice, non ancora alcolista, solo perché mantengo un ritmo.

sabato 10 maggio 2008

Fibrosi in Endecasillabi


una poesia per questa malattia!


Questo brutto nome non mente al male
io che so cosa vuol dire, soffrire
ombra umana fatta di sola pelle
in una misera corsia d’ospedale.

Nel volto amato la parola fine
la mente sua che non vuole, morire
il corpo e la sua disgregazione
e nascondere la mia disperazione.

A fatica giocano le parole
stupidamente prive di logica
ricordi banali, giorni di sole
foto recenti e sorrisi di miele.

Cos’è mai questa Fibrosi Cistica?
Un mostro dall’osceno appellativo
che ti trascina altrove con fatica
corrodendo la tua cassa toracica.

Male oscuro che m’ha portato via
il dolce ventre che m’ha generato
lasciandomi sola con la mia rabbia
ad annegare, colma di malinconia.

venerdì 2 maggio 2008

FALTA DE FE,,,

Un día un astronauta y un neurocirujano compartían el mismo vuelo, uno sentado a lado del otro.
Comenzaron una platica amena y después de un tiempo, el astronauta hizo un comentario .
- estoy convencido plenamente de que Dios no existe, he ido tantas veces al espacio y jamás he visto ningún ángel o nada parecido, el galeno al escuchar tan grave afirmación se quedo unos segundos meditando y contesto.
- pues yo amigo mío, he operado muchos cerebros y jamás he visto un pensamiento.

domenica 20 aprile 2008

"Amici", nemici?

Ho un problema con mia figlia di 12 anni, a seguito della trasmissione "Amici" di maria De Filippi, si è innamorata follemente di Pasqualino! Un ragazzotto di 23 anni di origine tedesca, ma napoletano nel cuore, l'ha catturata irrimediabilmente. Parla solo di lui, ha tapezzato la camera con sue foto, il diario, vuole i suoi gadget e ieri si è fatta portare perfino a Roma per vederlo dal vivo! Questa mattina mi ha detto che è preoccupata, perchè magari il prossimo anno, con la nuova edizione di "Amici", potrebbe piacerle qualcun altro e così si sente già di averlo tradito...se non è amore questo?

venerdì 11 aprile 2008

UN BESO,,,


EN UN BESO LA VIDA,
Y LA VIDA MISMA TODA
LLENA DE BESOS,
AMOR Y PASIÓN.

UN BESO ES EL
CONTACTO DE PIEL,
LA FUSIÓNDE DOS SERES
EL INTERCAMBIO
DE MICROBIOS
LA UNIÓN DE DOS ALMAS

QUE SE BESAN SINTOCARCE.
EN UN BESO
EL SENTIR DE DOS CUERPOS,
QUESE DEJAN LLEVAR
POR LA IMAGINACIÓN.

MIL FORMA DE BESAR Y
UNA SOLA MANERA
AL AMAR.

EN UN BESO LA VIDA Y
LA VIDA EN MIL BESOS,,,

M@R,,,

giovedì 10 aprile 2008

A Milano!


Ciao a tutti, per qualche giorno non ci sarò, vado a Milano con le bambine...andiamo a trovare il Nonno! Anche se il viaggio è lungo mi fa piacere tornare ogni tanto nella città della mia infanzia. Poi lì c'è ancora papà...Oltre alle boccate di smog a Milano si respira anche molto amore. Alla prossima settimana e buon voto a tutti!

domenica 6 aprile 2008

Il bambino che adoriamo


Il bambino che adoriamo...

dammi i tuoi sorrisi,

mi pettino felice

con te che abbracci forte

la mia nuova ingenuità.

sabato 29 marzo 2008

COMO DUELE,,,

DECIR ADIÓS CUANDO
SE AMA DUELE.
SE DESGARRA EL ALMA
LA VIDA YA NO ES LA MISMA
TE DUELE LA PIEL
Y EL RECUERDO TE
ATORMENTA,,,
M@R,,,

venerdì 21 marzo 2008

Un amore piccolo ma grande

Un vestitino verde a pois, sandali bianchi, il viso sempre imbronciato... così mi ricordo la bambina dagli occhi verdi e i capelli biondi spettinati, della quale mi innamorai a dieci anni. Lei ferma in mezzo alla piazza, i genitori a pochi metri. Chissà perché era sempre arrabbiata? Un tardo pomeriggio d'agosto eravamo assieme sopra un ponticello, che attraversava un torrente in secca. Seduti per terra, lei si stava divertendo a provocare, approfittando della mia debolezza. Mi tirava sassetti, allungandosi col collo per catturarmi una smorfia. Io guardavo per terra, facendo piccoli cerchi con un bastone. Si alzò di scatto, la seguii con lo sguardo, era altera e bella come una principessa. Si appoggiò con i gomiti al muretto, guardò giù e mi disse, "per un mio bacio salteresti giù dal ponte?". Deglutii l'eccesso di saliva e mi alzai anch'io. La fissai negli occhi, pregandoli di svelarmi la burla, ma non stava giocando, avevano l'aria di sfida. "Solo un salto". Guardai giù, saranno stati almeno quattro o cinque metri! Tutto il mio piccolo e insicuro mondo interiore era in subbuglio, come potevo deluderla, o mostrare a me stesso di essere un codardo? E poi un bacio…quante notti avevo passato a sognarlo ad occhi aperti! Salii sul muretto, mi guardò impaurita, troppo tardi. Quando ripresi i sensi avevo una caviglia fasciata e ancora un dolore atroce. Un capannello di gente non mi lasciava respirare. Con un braccio scansai una vecchia signora che mi sovrastava, la vidi…lei ferma in mezzo alla piazza, i genitori a pochi metri. Chissà perché era arrabbiata?

mercoledì 19 marzo 2008

Dal web...scusate non ricordo!

Tutti i problemi fra genitori e figli nascono dal fatto che per l'educazione ricevuta o per egoismo nessuno accetta il proprio ruolo e pretende ciò che in realtà non gli è dovuto, si mischiano cioè diritti e doveri senza avere la chiave per capirli e separarli secondo giustizia. Questa chiave è il concetto di distacco che sarà fondamentale nel terzo millennio: una coppia ha un figlio, lo educa, il figlio accetta la coppia come genitori, poi, a una certa età, incomincia a fare la propria vita, finché si distacca da loro. Detto così sembra che non ci sia nulla di nuovo. Il problema è che le famiglie (genitori e figli) non riescono a comprendere che tutti i loro rapporti, i loro conflitti e anche il loro amore sono in funzione del distacco. Nel secondo millennio il concetto di distacco era assente o era addirittura negato: si pensi a quanti genitori hanno preteso che i figli vivessero con loro anche dopo che si erano sposati. Il risultato erano incomprensioni a non finire.
Il distacco è il momento in cui un figlio decide di fare la propria vita, di camminare con le proprie gambe, senza l'aiuto dei genitori. È un momento netto, proprio come per il bimbo che impara a camminare: finché si va ancora a carponi non c'è distacco.
Grazie al concetto di distacco i rapporti fra genitori e figli diventano chiari: esistono due fasi, prima e dopo il distacco.
Prima del distacco i genitori decidono della vita dei figli - Se un figlio maggiorenne vuole continuare a studiare servendosi dell'appoggio dei genitori non può nemmeno pretendere di vivere la sua vita. Questa pretesa non è che una forma dello sfruttamento dell'amore dei genitori (pensiamo al figlio ultratrentenne che studia ancora!). Se un ragazzo vuol fare la propria vita si cerchi un lavoro e si distacchi dai genitori; fra le altre cose imparerà sicuramente a crescere e a conoscere la vita, cosa che non potrà certo fare se l'unica preoccupazione della sua giornata è chiedere i soldi per acquistare la macchina, per andare in vacanza o per uscire il sabato sera con gli amici. Un figlio che non ha il coraggio di distaccarsi non può pretendere di insegnare ai genitori come educarlo. Se i genitori sbagliano se ne vada, se non sbagliano accetti la loro educazione, anche se non collima con i suoi desideri.
Dopo il distacco i genitori non hanno più voce in capitolo sulla vita dei loro figli - È chiaro che l'amore resta immutato, ma deve trasformarsi ed elargire utili consigli, non più ordini. Il caso più classico è quello dei genitori (spesso la madre) che continuano a interferire nella vita dei figli dopo che questi hanno deciso di staccarsi, spesso con la motivazione: "Lo faccio per il tuo bene". Dopo il distacco il genitore deve capire che il figlio ha ottenuto la sua piena libertà (è quindi anche libero di suicidarsi!), non è più un essere che deve essere guidato fra i meandri della vita. Se sbaglia è una sua libera scelta, comunque derivata dall'educazione ricevuta. Anziché continuare a ordinare, il genitore dovrebbe chiedersi dove ha sbagliato nell'educazione. Praticamente questa intrusione la si trova ogniqualvolta i genitori interferiscono nella formazione della nuova famiglia dei loro figli. Il caso della suocera è classico. Nel terzo millennio non ha più senso che la nuova coppia viva con i genitori di lui o di lei: la pratica dimostra che ci sono sempre problemi. Chi accetta l'interferenza dei genitori suoi o del compagno/a ha già messo la prima pietra della propria infelicità. La cosa più comune è che si cerca di risolvere il problema con continui compromessi, quando la soluzione è banale: ognuno per conto suo!

lunedì 10 marzo 2008

Il regno del "Leone"


Una volta divenne Re un leone che non era focoso, ne’ crudele e nemmeno violento, ma era piuttosto mite e giusto….anche se cosa assai rara.


Durante il suo regno venne convocato un raduno di tutti gli animali affinché reciprocamente si potesse porre fine alle malefatte che ancora imperavano nonostante il leone mansueto e giusto.


Il lupo con la pecora, la pantera con la zebra, la tigre con il cervo, il cane con la lepre e così via……...


Una volta convocati gli animali e di fronte gli uni agli altri, nel bel mezzo dell’assemblea, chiese e ottenne la parola una lepre che molto soddisfatta affermò:“ Ho sempre sognato che si verificasse questo giorno”, ovvero, disse la timida lepre,” il giorno in cui anche i deboli potessero far paura ai potenti e prepotenti” .


MORALE
Quando in uno stato regna la giustizia e tutti cercano di
amministrarla con equità, anche gli umili dormono sonni
tranquilli !

.

sabato 8 marzo 2008

MUJER,,,

FELICIDADES EN TU DIA,,,

mercoledì 5 marzo 2008

dico...e penso...


Ho detto a un amico...my soul is sick. i don't know how to live. I'm always in trouble, i'm not quiet, i have not peace, i want more love, more silence in my heard. i can't say "thankyou for my life", and this is terrible. Kisses Daniela.

martedì 4 marzo 2008

L'estate

Già all'epoca ti stavi allontanando da me, da tutti noi, il tuo sguardo perso e preoccupato per qualcosa che sentivi e non comprendevi. Nessuno comprendeva...te ne sei andata in un attimo, lasciandoci tutti senza parole, parole che volevano esprimerti ancora amore, parole che avresti dovuto sentire ancora per tanto tempo. Ma non è andata così. E' la vita, si dice. Io ancora me ne devo fare una ragione, forse più di allora. Un bacio.

venerdì 29 febbraio 2008

Stare male...fa male!

Ciao a tutti, sono stata assente per qualche giorno, perchè ho avuto l'influenza e trovavo molto faticoso scivere, leggere...pensare. In compenso sono stata bombardata dalla televisione, che se per un verso mi ha sollazzato, dall'altro mi ha fatto veramente soffrire. La notizia scioccante dei due bambini ritrovati in fondo alla cisterna non mi ha fatto dormire la notte, il pensiero della loro agonia, della loro paura...e poi l'atroce supposizione che possano essere stati proprio i genitori, carne della loro carne, sangue del loro sangue! Orrore, se così fosse e solo l'orrore dovremmo continuare a meritare. Se veramente siamo capaci di trucidare i nostri figli, così freddamente, e cambiare pagina il giorno dopo, meritiamo di bruciare tutti all'inferno! Non so cosa stia succedendo, la gente sta impazzendo, perdendo completamente tutti i valori, annientandosi, distruggendosi. Se siamo incapaci di reagire, tentando di salvarci, se l'unica cosa che riusciamo a fare è crogiolarci nelle nostre disperazioni, siamo degli invertebrati e meritiamo solo un'altro Giudizio Uuniversale! Punto.

sabato 23 febbraio 2008

VENEZUELA


Pensándolo Bien, me doy cuenta de que cada País
tiene algo de lo cual sentirse orgulloso:

Brasil -Por la Zamba y el futbol
México- Por los Mariachis, los Tacos y los mayas
Colombia- Por el Café y la Cumbia
Panamá- Por el Canal
España- Por ser la 'Madre Patria'
China- Por la Muralla
Italia- Por la Pasta
Estados Unidos- Por ser la 'Primera Potencia Mundial'
Argentina- Por el Tango y por creerse los
'Mejores del Mundo' jajaja
Perú- Por los Incas
ETC...ETC...ETC...ETC...bla...bla...bla
Pero definitivamente en VENEZUELA
Estamos orgullosos de TODO!!!!!!
*Petróleo *Playas Exuberantes*Montañas Nevadas*Flora y Fauna espectaculares*Clima Tropical*Mujeres Hermosas...
Las más BELLAS del Mundo*Pabellón Criollo,
Arepas, Hallacas, Dulce de Lechosa,
Cachapas, Caraotas,
ETC...ETC...ETC...*Rumba Buena*
Gente Jodedoray es que...
En Venezuela no decimos Amigo, decimos:
Pana, Costilla, Chamo(a)
En Venezuela no decimos FIESTA, decimos:
Rumba, Pachanga, Bochinche, Parranda
En Venezuela no decimos Hola, decimos:
Epa Pana, que más????
En Venezuela no decimos QUE Borrachera, decimos:
Tremenda PEA!!!
En Venezuela no decimos Cervezas, decimos:
unas curdas o Birras
En Venezuela no decimos HAZME UN FAVOR, decimos:
Hazme la 2da ahi!
En Venezuela no decimos Dinero, decimos:
Rial, Lucas, Fuerza
En Venezuela no decimos HOT Dog, decimos:
Perro Caliente
En Venezuela no decimos Burla, decimos:
Chalequeo!!!
En Venezuela no decimos Enamorar, decimos:
Echar los Perrossss!!!!!
En Venezuela no decimos cómprame Eso, decimos:
Bríndame Ahi!!!Y así podía seguir todooo el DíaCaracas,
Los Roques, Margarita, Puerto La Cruz,
Canaima, Isla de Coche, Guayana , Barquisimeto,
Maracaibo, Maracay, Valencia, Coro, La Gran Sabana,
Mérida, Mochima........y todo el resto del País!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!*
Ni hablar cuando se trata de apoyar a nuestra 'VINOTINTO' ,
todos con la camisa de la Selección.
*Si hablamos de nuestro Beisbol...
Nada más Apasionante que un Caracas-Magallanes!!!!!
(Así vayan de últimos)
*La Feria de la Chinita, La Feria de San Sebastian
Los Carnavales Y Las Navidades son excelentes motivos
para armar una buena rumba o un buen bochinche!!
*Nuestro Salto Angel, orgullo Nacional, el más alto del MUNDO.
*El Puente sobre el Lago, El Teleférico más alto del MUNDO,
las Playas más Hermosas,
ETC....ETC....ETC....ETC....
* Y si hablamos de las votaciones...
que te digo nos vamos hacer nuestra cola tempranito
para darnos tiempo de cuadrar la parrilla y la tomadera....
ojo lo de las cervecitas la compramos una semana antes ya
que para ese fin de semana de las votaciones
corremos el riesgo de no conseguirlas....
pues eso no lo podemos pelar ni pasar por debajo de la mesa
es una excusa perfecta para celebrar
que vivimos en un país democrático.

DEFINITIVAMENTE COMO VENEZUELA
NO HAY OTRA TIERRA MI PANA!!!

Qué Estados Unidos, Qué Inglaterra, Qué Argentina,
Qué Alemania ni qué Nada!!!!......
Venezuela es Venezuela!!
AUTOR:Desconocido.

Sylvia Plath

Sarà con l’americana Sylvia Plath (1932-1963) che il quadro dell’eliminazione dei punti di riferimento e il rifiuto di ogni valore tradizionale diverrà ancora più radicale. Leggiamo i suoi versi per il padre, perso all’età di otto anni, e da lei “ucciso” nuovamente con la poesia:

“Non servi, non servi più,
o nera scarpa,
tu in cui trent’anni ho vissuto
come un piede, grama e bianca,
trattenendo fiato e starnuto.
Papà, ammazzarti avrei dovuto.
Ma sei morto prima che io
Ci riuscissi
Se ho ucciso un uomo, due ne ho uccisi.
Il vampiro che diceva esser te
E un anno il mio sangue bevè
Anzi sette, se tu
Vuoi saperlo. Papà puoi star giù.”
Sinceramente, come genitore, non vorrei mai sentire queste parole, anche se scritte da una grande poetessa e come figlia mi auguro di non arrivare mai a soffrire così, per un rapporto mai chiarito. I danni possono essere irreversibili, per cui nel mio piccolo, ho sempre le antelle tese per captare le emozioni delle mie figlie e faccio un grande sforzo per non ripetere gli errori dei miei genitori. Forse ne farò di nuovi, ma così il processo è evolutivo, non il contrario. Costa sacrificio, perchè accettare gli schemi del genitore è più facile, più sicuro sotto certi aspetti, ci si giustifica di più, invece sperimentare un nuovo rapporto no. Ogni errore è tuo e c'è sempre il vecchio papà o mamma che può dirti "te l'avevo detto!" Questo, si sà, è insopportabile, è sempre la solita bacchettata sulle mani che brucia. Generalmente anche la gente che ci circonda, è adeguata agli schemi comuni di educazione, per cui doppia fatica e doppio coraggio, forza. Penso che sia necessario e doveroso verso i nostri figli, garantirgli non tanto un'educazione tradizionale, quanto un'apertura mentale, disponibile al dialogo e anche ai silenzi, quando occorre, ma sempre e solo guidati da un profondo senso d'amore, che innanzi tutto è rispetto.

mercoledì 20 febbraio 2008

Così è, se vi pare


I vostri figli non sono i vostri figli.
Sono i figli e le figlie della brama che la Vita ha di sè.
Essi non provengono da voi, ma per tramite vostro.
E benchè stiano con voi non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,
perchè essi hanno i propri pensieri.
Potete alloggiare i loro corpi, ma non le loro anime,
perchè le loro anime abitano nella casa del domani, che voi non potete visitare, neppure in sogno.
Potete sforzarvi di essere simili a loro, ma non cercate di renderli simili a voi.
Perchè la vita non procede a ritroso e non perde tempo con ieri.
Voi siete gli archi dai quali i vostri figli sono lanciati come frecce viventi.
Gibran


Piccola lezione che i miei genitori non hanno mai imparato, e credo che ormai non impareranno più.
Ecco perchè ho messo centinaia di chilometri fra me e loro.
Non perchè non li ami, o loro non amino me.
Perchè stare lontani dai propri genitori non è libertà di fare quello che ci pare senza controllo, ma fare quello che ci pare perchè così ci piace. Punto.

martedì 19 febbraio 2008

La mia sorte è il mio destino


Ovunque guardo vedo dolore,
ciò che ascolto è superfluo,
non mi riconosco nella gente che mi passa accanto,
i giovani vivono una vita inutile...
i vecchi non imparano,
i nuovi nati sono in balia di falsi concetti.
noi che crediamo di capire....
siamo storditi dalla velocità della vita,
dai cambiamenti che ci vengono imposti.
tutto è falso e vano.
Non ci resta che chiudere la porta,
rifugiarci nei sogni, nei ricordi più dolci...
nella speranza.
Io ho chiuso la mia porta.
la schiudo per osservare ma...
chiudo nuovamente e sogno
e ascolto il tempo
che inesorabilmente scorre e mi porta via,
via da questo pazzo mondo che non è più mio,
che appartiene ai pochi
che controllano tutto.
Vado via, vado a rifugiarmi nella terra,
fra muschi e foglie,
fra cielo e fronde,
fra rocce e animali selvatici,
fra animali e oggetti che il tempo non riuscirà a cambiare.
La mia sorte è il mio destino

Manfred Salemme

domenica 17 febbraio 2008

Daniela, ¿cómo te lo cuento? ¿Que somos buenos padres? Supongo que sí, lo somos, pero también te cuento que como padres lidiamos con nosotros mismos, que a ciegas luchamos casi más con nosotros mismos que con los niños, y en esto tú eres como yo, todos somos en algún punto iguales: humanos, terriblemente humanos, y a menudo como padres quisiéramos ser dioses, quisiéramos nunca equivocarnos, y no hay manera, y un error detrás de otro, y de acuerdo: aciertos y amor y cariño y reírnos con ellos y momentos buenos, sí, de acuerdo, pero también errores, enfados a destiempo, distracciones, faltas nuestras de respeto a ellos por pensar que como padres tenemos derecho, y no: no lo tenemos.
No sé si tienes la misma fantasía acaso real que yo tengo: yo pienso que desde el momento en que te haces padre o madre, algo cambia en ti, hay algo muy vivo en la magia de la vida que se te abre al hacerte padre; ¿cómo explicarte? Quizá tú como yo tienes fe en que hay algo más, ni siquiera es necesario ponerle nombre ni hablar de religión ni de filosofía, no: te hablo de la vida, de nuestra vida de todos los días, de las cosas que no entendemos, de las casualidades así llamadas y que nosotros sabemos que no son azar, de las pequeñas cosas inexplicables que nos hacen sentir esperanza en que todo esto tenga sentido: pues bien, en ese ámbito, yo sí noto en mí la magia de ser padre, el poder de ser padre, poder y magia entendidos como algo que va más allá de lo material y de lo racional, y creo con toda firmeza que mi noción del sentido de la existencia es mucho más clara desde que nació mi hija, mi fe firme en la verdad de que el espíritu es lo que lo forma todo y en la verdad de que la materia siempre es vencible y solo un sueño que nosotros soñamos y formamos, es más firme aún desde que soy padre.
Y en eso sí somos un poco Dios.

Y
amor.

(c) del texto: Santiago Tena, 2008.

venerdì 15 febbraio 2008

Perle di saggezza


Spesso gli errori non stanno nelle parole, ma nelle cose.
Bisogna correggere i dettati, ma bisogna soprattutto
correggere il mondo… Il mondo sarebbe bellissimo
se ci fossero solo i bambini a sbagliare.
Gianni Rodari

mercoledì 13 febbraio 2008

AMOR,,,

POR QUE EL 14 SI TODOS LOS DIAS DEL AÑO
ES DIA DEL AMOR...
TE AMO HOY, MAÑANA Y SIEMPRE,,,
M@R,,,

sabato 9 febbraio 2008


Y yo que me doy cuenta, que a veces me doy cuenta y a veces no, y la vida que nos pone a prueba, y los niños que nos hablan de nosotros mismos, y cómo influye nuestro amor, cómo influye nuestro humor, y como hoy estaba contento he tenido un día de paz con los niños, y ojalá Dios quiera que nunca más me enfade, que no pierda la paciencia, que aprenda que la paz es más importante que la causa de cualquier enfado, y empeñado sigo en mi filosofía también para aplicar a esto, y en el caso de los niños muy directamente aplicable: si todo tiene sentido, si la vida tiene sentido, si estás ahí, si todo eres tú, si todo lo que nos sucede eres tú, Dios mío, si la vida misma eres tú, Dios mío, y si mis ganas de vivir y de amar eres tú, si eres yo mismo, si todo fluye de mí, si la vida es mi sueño, si todo es para mí y todo se ha hecho por mí y para mí, si tengo esta fe zen-providencia-inspiración-déjate llevar, mi Dios, entonces, dime, ¿para qué enfadarse?, ¿para qué perder la paciencia?, ¿para qué inquietarse?: no, no hay razón: cada cosa llega cuando ha de llegar, el niño llora cuando ha de llorar, mis ganas de levantarme son por algo, mis ganas de callar son por algo, si de verdad tengo fe en que todo tiene sentido, ¿por qué tengo que enfadarme jamás por nada? Jamás, por nada, jamás.




Y esta tarde noche me mirabas, y tenía al niño en brazos, y me reía, y me reía con mis amigos y disfrutaba del amor de mi niño, y le besaba y le sentía sonreír, y le sentía alegre por dentro, y tú de pie en la calle me mirabas y quizá me reconocías, y te hemos preguntado pero no mirabas ya a la que de nosotros te había preguntado, me mirabas a mí, a mí, y si yo te miraba disimulabas, pero si luego de nuevo te miraba veía que estabas otra vez fija en mí, y yo con mi fantasía en la cabeza de que me mirabas porque me habías reconocido por aquí, y Dios, cómo sufro las ausencias, cómo le reprocho al destino que todo este cariño no sea también tangible, alguna vez sí, de acuerdo, pero yo quiero realidad, esta carga de cariño y autoestima y pasión yo la quiero real en tres dimensiones, y si de verdad sientes lo que escribes, basta ya de escribir, acércate, abrázame, acércate, siente vivo y real lo escrito ya, ya, ya. Amor.





(c) del texto: Santiago Tena, 2008.
Imagen tomada de http://www.lacoctelera.com/difusa.

venerdì 8 febbraio 2008

Ahmm!


Non posso fare a meno di pensare quanto siano importanti i bambini e di come sia delicata la loro educazione. Possiamo farne uomini e donne sicuri nel loro domani, capaci di fare scelte e valutazioni, oppure distruggerli e rovinarli per sempre. Loro adesso sono nelle nostre mani, fanno quello che vogliamo noi, ci ascoltano, imparano da noi, siamo degli esempi viventi. I bambini sono angeli senza preconcetti, senza vizzi, forti e determinati a crescere. Sono dei treni instancabili, che vanno avanti per la strada che noi gli tracciamo, con fiducia e amore, senza farsi assalire da dubbi.
Noi siamo Dio per loro. Dobbiamo però fare in modo che non si schiantino poi contro il muro della vita, solo perchè abbiamo sbagliato a guidarli, solo perchè distratti, egoisti e presi solo da noi stessi. Consideriamo il loro valore, di esseri umani vergini, non devono essere traditi proprio da chi li ha messi al mondo! Amiamoli facendo attenzione alle loro esigenze, al loro piccolo grande delicato mondo. Ascoltiamoli quando parlano, perchè dicono tutto il dicibile, dicono la verità, l'unica che esiste, che loro ci amano ogni secondo della loro vita e non esiste problema, malattia, cataclisma che possa posporre questo amore. Impariamo da loro...sono dei grandi!!!

mercoledì 6 febbraio 2008

SE APAGA UNA LUZ


SE APAGA UNA LUZ,
SE APAGA MI LETRA,
Y LA
VIDA CONTINUA,,,


EL AMOR ES ETERNO,
LA MUERTE ES ETERNA,
Y EL
TIEMPO NO TERMINA,,,


EL PRINCIPIO TE LLEVA
A UN FIN,
DONDE EMPIENZA
UN COMIENZO,,,


LOS PENSAMIENTOS
TIENEN EL RECUERDO
DE UN
PASADO ESCONDIDO,,,


LETRAS MUERTAS
HOY Y NO HAY NADA
QUE ESCONDER,,,


M@R,,,

lunedì 4 febbraio 2008

Il Tempo II



Il tempo passa senza chiederti permesso,


una spallata e se ne va,


il tempo di girarti per rendertene conto,


è già oltre e tu non l'hai visto in faccia.

sabato 2 febbraio 2008

aqui esta




Aqui esta, mejorando y muriendo,,,
esta en las manos de DIOS,,,
y quiere vivir y morir,,,

Dolor de ver como se apaga,
remordimiento de no saber
perdir perdon,,,

Te AMO esa es la unica verdad,,,
Son tantos sentimientos que albergan
en mi pecho, tanto amor tengo
hacia vos que me ahogo en llanto
y no puedo ni sentir, es un dolor
tan grande el que tengo, que no hay
letras que escribir, nunca he sentido esto
nunca pense que me dejarias, y se que
la vida tiene que continuar,,,

Es un egoismo que duele, que
desgarra el alma, pero como dejarte ir
si te AMO,,,

MADRE eres lo mejor de mi vida,
vos y mis hijos e nietos son mi vida
sin ustedes yo muero,,,

Hoy llora el alma y es una tristeza
que en este amanecer tan hermoso
que un mar se este secando,,,

MADRE TE AMO,,,
QUE DIOS TE BENDIGA,,,
NO ME DEJES,,,

M@R,,,


venerdì 1 febbraio 2008

Il primo bacio

" Le promesse in amore....
sono come sabbia
buttata dentro
il vortice del tempo."





Infatti meglio un bel bacio, come fa questa cagnetta col suo neonato. Il primo!

martedì 29 gennaio 2008

Radio Maria e il dono dell'ubiquità

Di corsa per arrivare al lavoro, passo nei pressi di una scuola media inferiore (parificata).
Noto una signora che da una specie di pulmino fa scendere almeno tre ragazzini.
- Oggi nessuno di voi deve essere interrogato?-
Vocine stridule che fanno a gara per essere incoronato il più fortunato del giorno: quello che ha più interrogazioni.
- E non abbiamo sentito Radio Maria?-

Ora: a prescindere dai gusti religiosi e non, perchè non insegnare ai bambini, adulti di domani, che se vogliamo superare un ostacolo è inutile sperare stando con il naso per aria (o con la testa fra le mani), che tanto non ci sarà nessun dio a suggerirci la risposta giusta passandoci il bigliettino sottobanco.

HOY


HOY,,,

Hoy descubrí que la vida es hermosa,,,

Hoy descubrí que soy feliz,,,

Hoy descubrí que hay tiempo,,,

Hoy descubrí que todo continua,,,

HOY SOY YO,,,
GRACIAS DIOS.

M@R,,,

domenica 27 gennaio 2008


a menudo la vida nos trae por un camino que no preveíamos, y el dolor nace, y a menudo todo lo que escribimos y hacemos parece una batalla para ganarse el cariño del otro, y así es, y uno se deja llevar por su niño y por su desamparo y hace reproches, sin darse cuenta de que el reproche hace más daño que el silencio

la vida es una tormenta, vivir es una tormenta, estar vivo es una tormenta, escribirse es una tormenta, querer que te quieran una tormenta, y los demás hacen lo mismo que uno: se dejan llevar por lo que sienten, y raramente hay manera racional de lidiar con eso, la disculpa más extensa es inútil, la carta más amable es inútil, si antes has creado un sentimiento de rechazo con una actitud precipitada, la salvación en el cariño de la otra persona se ha alejado un paso más, y sin embargo te sigues diciendo: hazlo, haz lo que sientas, desahógate, ese es el camino, tu niño que hace reproches también es el camino, aunque duela, déjate llevar por lo que la vida de dentro te dicta

lo más poderoso del universo es el aire, el aire es el espíritu, que sople y nos lleve, que me lleve a ti




(c) del texto: santiago tena, 2008

sabato 26 gennaio 2008

ESE DIA LLEGARA

CRUZAR ESA PUERTA
NO ES MIEDO.
PENSAR EN LOS QUE QUEDAN
ATRAS, ES TRISTEZA.
MIRAR LO DESCONOCIDO
ES IMPOSIBLE.
REGRESAR DEL PASADO
Y HACER MEJOR EL HOY
NO HAY TIEMPO.
ESE DIA LLEGARA
Y NO QUIERO ESTAR.
NO ES MI PARTIDA,
Y MUERO DE PESAR.
Y QUIEN SABE CUAL DE
LAS DOS SE VA.
MIEDOS EN SILENCIOS
TORMENTOS EN UNA
MENTE, SENTIR MORIR
Y QUIERO VIVIR,,,
M@R,,,

Al lavoro! "Figlio della Luna"



Eccomi qui con mia figlia piccola Virginia, al lavoro! Lei con i compiti e io con i miei Racconti. Non posso dire di avere una perfetta concentrazione così, ma oramai mi sono abituata, sono diventate fonte d'ispirazione! Escono fuori anche delle belle storie, apprezzate dalle riviste del web, come questa....

FIGLIO DELLA LUNA

Venivo da Milano e facevo l'attrice. Gli affitti non erano alla mia portata, approfittavo delle amicizie. Quella volta capitai in vicolo dei Serpenti. La sera che arrivai, mi accolse frettolosamente, mi fece vedere il letto e urlò che non c'era niente da mangiare. Sbatté la porta. Buttai la borsa sul letto e andai ad aprire il frigo. Due uova sode, una ciotolina di patate lesse, uno yogurt. Anche se avessi potuto, non mi sarei fatta deprimere ulteriormente. Decisi di andarmi a comprare una pizza. Nel vicolo notai subito sporcizia, siringhe, bottiglie e il cassonetto stracolmo. Le facce rovinate dall'indigenza, le donne, per lo più, puttane. Mi preoccupai dei miei ritorni a casa. Mi feci fare una pizza tonda. Il pizzaiolo mi raccontò del solito parente trasferito a Milano. Sì lo so, Milano si odia e basta. Presi la pizza e andai a mangiarmela a casa. Era poco illuminata, due finestre davano sul vicolo, mentre quelle della cucina, su un piccolo cortiletto interno. Dalla cucina assistetti alla scena. Lui la insultò, lei si difese piangendo, lui le tirò uno schiaffo, e lei gli sputò in faccia. "Puttana, questo non è mio figlio!". Lei aveva un neonato in braccio. Lui negava, accusava. "E' biondo, troia!". Lei si agitava, noncurante del bambino, lo avrebbe gettato dalla finestra. Lui approfittò e le affondò la lama di un coltello nella pancia. La pizza mi cadde per terra, altri vicini si affacciarono e cominciarono ad urlare: "Chiamate la polizia, un'ambulanza! Io, completamente nel pallone, frustrata, arrabbiata. La notte passò insonne, molta gente, macchine della polizia, ambulanza, interrogatori. La mattina dopo, scesi per andare a bere un caffé, ero molto stanca, la strada era tornata silenziosa. Guardai il cassonetto, svuotato, come il cuore di quel bambino.

YAMILA HACE CASI 12 AÑOS

El 8 de febrero de 2008 mi niña: Yamila Delfina, ya casi una señorita, cumplirá 12 años. Al ver esta foto, cuando apenas tenía dos dìas de nacida no puedo dejar de pensar en cuánto ha pasado, cuánto hemos aprendido, y cuànto hemos crecido las dos, y la familia completa. Han pasado tantas pero tantas cosas que si hubiese escrito un diario llevaría miles de hojas escritas, cientos y cientos de cuadernos, millones de bolìgrafos usados y existen además MILES de fotografìas.


Este año no estarà Nikko con nosotros ya que èl se encuentra estudiando en URUGUAY, aunque en este momento está de vacaciones, pero la economía familiar hace imposible que pueda venir a Buenos Aires. Igualmente estará presente en nuestros corazones como lo está todos los días.



Una de las fotos de los hermanos juntos, en octubre de 2007, cuando Nikko vino a votar por primera vez:


Yamila & Nikko

venerdì 25 gennaio 2008

Miedos


Miedo a la locura,
a perder la razón, la cordura,
a desaparecer del mundo
en sueños de amor y muerte.
 
Miedo a la vejez,
a no poder seguir sin ayuda,
a ser un cuerpo inválido,
a perder las ganas de la juventud.
 
Miedos...
¿Cuántos miedos hay?
¿Cuántos conservo?
¿Cuántos alimento?
 
Miedo al deterioro,
a la precariedad,
a no poder luchar,
a caer en brazos del dolor.
 
Miedo al amor,
a la pasión desenfrenada,
a la lujuria, al deseo,
miedo a ti.

© Verònica Curutchet - 2000

mercoledì 23 gennaio 2008

NO ACEPTO.


POCO A POCO Y
NO ACEPTO.


ACEPTAR LO INESPERADO.
ACEPTAR LO QUE TIENE QUE PASAR.
NO ACEPTO.

MI CORAZÓN CALLA.
EL SILENCIO GRITA.
NO ACEPTO.

POCO A POCO SE VA.
NO SE QUE HACER.
Y EL FINAL VENDRÁ.
LA LUZ DE SU CAMINO
SE QUIERE APAGAR.
TENDRE QUE ACEPTAR.

Y

NO ACEPTO.


M@R,,,